Ecco finalmente il grande giorno è arrivato! Il vostro bambino è nato e in questi primi giorni di vita nei neogenitori è tutto un susseguirsi di emozioni: gioia, felicità, stupore, i primi dubbi e le prime preoccupazioni per questo piccolino che ci appare così indifeso e bisognoso di noi.

Al momento della nascita viene attribuito al neonato dal ginecologo e dall’ostetrica un voto secondo l’indice di Apgar, (vedi anche: Indice di Apgar: come si calcola) derivante da alcuni controlli effettuati immediatamente dopo il parto e, in modo molto rapido, finalizzati a valutare l’adattamento del neonato alla vita extrauterina, ovvero la vitalità e l’efficienza delle funzioni vitali primarie.
Il voto viene attribuito esattamente a 1 minuto e a 5 minuti di vita assegnando un voto da 0 a 2 secondo 5 parametri di base (Frequenza Cardiaca, Respirazione, Tono Muscolare, Riflessi, Colore della Pelle).
E’ considerato nella norma un bambino che riceve un punteggio pari o superiore 7. Ma se dovesse ricevere un voto inferiore non devono esserci necessariamente dei problemi, in questi casi però il bambino va monitorato con più attenzione.

Se si sceglie di allattare il neonato al seno (vedi Allattamento al seno: vantaggi e proprietà), è opportuno cercare di attaccare al seno il piccolo il prima possibile: l’ideale è entro le primissime ore di vita affinché il piccolo possa bere il colostro. Non preoccupatevi però se per qualche accadimento (es. parto cesareo, culletta termica per il bimbo) non riuscite ad attaccare il piccolo entro le due ore dal parto, l’importante è che la mamma ci provi non appena le viene portato il bambino. Questo serve a favorire l’arrivo della montata lattea che avviene di norma entro 4/5 giorni dalla nascita.

Assumendo nei primi 3/5 giorni di vita solo il colostro il neonato perderà un po’ di peso: è il cosiddetto “calo fisiologico” che è assolutamente un fenomeno normale purché si attesti entro il 10% del peso alla nascita.

Le prime feci del neonato vengono chiamate meconio e si presentono abbastanza consistenti con un colore marrone scuro, successivamente le feci hanno una fase di transizione diventando più morbide e di colore marrone chiaro, fino ad arrivare dopo una settimana a quelle definitive che si presentano abbastanza liquide e di un colore verde/giallo.
Il numero di evacuazioni può variare da 1 al 5 giorno e può avvenire anche durante la poppata.

Nelle prime ore 24 ore di vita il neonato dormirà moltissimo e anche la sua richiesta di cibo sarà più limitata, successivamente instaurerà un ritmo più regolare.
Nei giorni immediatamente successivi vedrete che il piccolo aprirà più frequentemente gli occhi, vedrete espressioni sul suo viso e farà piccoli scatti con braccia e gambe per “testare” lo spazio circostante.

Il neonato, dopo aver trascorso 9 mesi nell’utero materno, si sentirà più rassicurato se verrà fatto riposare in spazi limitati e protetti.